BANANA BREAD AL COCCO E NOCI

“Non importa quante volte cadi,  ma quante volte cadi e ti rialzi “

….. cosa dire… dico che ieri sera quel mostro che vive ancora dentro di me si è  fatto rivedere. Ieri sera mi sono fatta del male, arrivando ad odiarmi,  perché ho avuto un abbuffata. Era da tempo  che non ne avevo una così grande e in cuor mio so il perché.  Perché era tutto il giorno che pensavo a cosa mangiare, adottando una giornata low carb high fat non serena ma data dai sensi di colpa per la sera precedente. E il mio fisico, abituato a star bene e a stare sereno, ha vissuto tutto ciò come un segnale di allarme , quasi dicendosi ” ehi, qua ci tolgono il cibo, facciamola mangiare che almeno per un po di scorte ne abbiamo, visto che in passato siamo stati malissimo”.  E così mi ha fatto divorare mezzo mondo. Quasi come ipnotizzata ho iniziato dalla colazione di oggi a quella per il mio compagno, alla crema di pistacchi , al riso alla cantonese avanzato ad un pacco di patatine intero finito in un nano secondo.  Poi non contenta,  pure un lindt. Pensare di essermi mangiata mezza giornata di cibo in nemmeno 10 minuti e tutto freddo senza nemmeno scaldarlo mi fa sentire brutta.  E nella mia testa riaffiorano tutti quei ricordi di un tempo, quando ogni notte mi alzavo,e mangiavo una stecca da 175 gr di biscotti oro saiwa alle fibre. E mia mamma che si svegliava e mi veniva a rimproverare dicendo: dormi, Claudia  dai.. era più forte del sonno e della mia testa quel mostro.. e ieri sera si è fatto rivedere..oggi la mia voglia di uscire, di andare a lavoro, di allenarmi è  sottoterra e questo perché mi sento ‘”sporca”.  Più ci si abbuffa, più queste sensazioni ti fanno estraniare  dal resto del mondo. Per chi ancora non ha scoperto che la vera forza è  nel credere in sé stessi e nel proprio corpo, gli consiglio di andare a parlare con qualcuno di esterno, che possa oggettivamente trovare le vere motivazioni che portano al disturbo alimentare che si ha, perché credetemi,  finché non si comprendono,  non se ne viene fuori. So che può spaventarvi e che può farvi male andare a tirare fuori ciò che vi disturba ma è l’unica maniera per uscire da quel tunnel …Bisogna uscire dalla proprio confort zone per poter risolvere il problema e quando dico così intendo che bisogna smettere di contare,  calcolare, pianificare cibi e alimenti da ingerire nel corso della propria giornata.

Dire che non vi succederà più sarebbe una stronzata,  perché sto proprio parlando di questo ma la lezione di sicuro mi è servita:  non ci si può privare di ciò che ci fa star bene, ma sopratutto non ci si puo’ imporre una cosa se realmente non la si vuole  fare , perché così non porterà  a niente, anzi, peggiorerà solo le cose. Bisogna solo rimboccarsi le maniche e affrontare l’indomani con il sorriso  e la consapevolezza  di poter essere migliori !

Torniamo al banana bread  al cocco e noci,  il vero protagonista di questo blog:
(La ricetta e per uno stampino da plumcake monoporzione, quindima voi basterà eaddoppiare/triplicare le dosi )

-70 gr di farina di riso
-20 gr di cocco rape
– 1 manciata di scaglie di cocco myprotein essicate
– 170 gr di albume
– 50 ge di latte di riso
– 1 banana ( 80 gr) schiacciata
– 4 gr di lievito per dolci

Mescolate tutto quanto assieme e mettete in forno a 180C x 20 minuti. Aggiungete le noci e proseguite x altri 5 minuti. Spegnete il forno e lasciate raffreddare con lo sportello un po aperto.
Buona colazione!!,


Related Posts

BROWNIES di PATATE DOLCI AL TRIPLO CIOCCOLATO,PALEO AND  VEGAN

BROWNIES di PATATE DOLCI AL TRIPLO CIOCCOLATO,PALEO AND VEGAN

Questi brownies al triplo cioccolato senza farina, senza lattosio e senza frutta secca sono entrati nella top 10 dei dolci piu buoni che io abbia mai fatto! Cioccolato fuso, cacao in polvere e scaglie di cioccolato fondente li rendono incredibilmente fudgey e ricchi di sapore […]

PLUMCAKE CIOCCOLATO,ANICE E NOCCIOLE

PLUMCAKE CIOCCOLATO,ANICE E NOCCIOLE

Amo questo plumcake. O meglio, l’ho amato ad ogni boccone. Il cioccolato che si disperdeva nelle nocciole e nel profumo di anice. Wow. L’impasto umido, soffice e morbido e ogni tanto in qua e la’ una briciola di nocciola. That’s Love! Sono stati giorni in […]



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.