DISBIOSI INTESTINALE- ALIMENTAZIONE NATURALE

DISBIOSI INTESTINALE- ALIMENTAZIONE NATURALE

DISBIOSI INTESTINALE che cos’è? Possibili cause? Rimedi ? ecco per voi un articolo in cui riassumo quello che ho imparato e che sto attualmente facendo. Vi terrò aggiornati a riguardo !

DISBIOSI INTESTINALE – ALIMENTAZIONE NATURALE –  FODMAP

DISBIOSI INTESTINALE

disbiosi intestinale

Visto che in direct siete stati molto curiosi chiedendomi il perché di tante scelte alimentari dal mio ritorno ecco che vi voglio spiegare la MIA decisione riguardo alla MIA alimentazione.            Come sapete in ferie sono stata lontana da terminati alimenti che ho scoperto per me infiammanti. Quali ?? Aromi, frutta secca, grano, latticini.  Bella scoperta, potrà dire qualcuno!  Be’, come sapete io ci devo sbatter la testa prima di rendermene conto.

Sapete anche che la mia costituzione ANDROGINA mi porta ad accumulare tutto nell’addome ( principalmente) e quindi grasso + gonfiore = palloncino morbido, altro che “ i see the turtles! “.

Ma partiamo dall’ INTESTINO, il 2° cervello, lo sapevate?? Tutti noi sappiamo (tutti l’abbiamo sperimentato almeno una volta) quanto l’emotività possa ripercuotersi sul sistema gastro-intestinale e a quanto sia importante per il sistema immunitario, grazie alla flora batterica ( microbiota). La sua importanza??

  • regola la digestionedei cibi e l’assorbimento dei nutrienti
  • difende dagli agenti patogeni
  • produce ormoni
  • in contatto con il sistema nervoso centrale

DISBIOSI INTESTINALE

E questa tanto nominata DISBIOSI INTESTINALE? E’ l’alterazione del normale equilibrio della flora batterica enterica.   Dopo l’introduzione del cibo, già in bocca, inizia il processo della digestione dalla quale si dovrà ottenere l’assimilazione di quanto è necessario per il nostro organismo; non solo proteine, grassi e zuccheri ma anche vitamine e minerali. L’intestino dovrà assorbire il necessario ed espellere l’inutile sotto forma di feci ( 1/2 volte al giorno, solide, di colore marrone ). Indipendentemente da disturbi di tipo diverso, la qualità e la quantità delle feci, possono diventare una sorta di termometro del nostro stato di salute.

Oggi voglio parlarvi però delle CAUSE legate al CIBO.

  • la regolarità dei pasti e la loro composizione, a partire dalla colazione. ( tendenzialmente si fanno pasti abbondanti serali, dimenticandosi della prima colazione).
  • intolleranze. Per comodità o perche’ si è frivoli, li mangiamo.
  • scarsità di fibre che non aiutano la peristalsi
  • alimenti troppo raffinati ( zuccheri e farina bianca)
  • alimenti che sono stati più volte processati ( industria)
  • dolcificanti, aromi industriali

Ecco perchè nella mia alimentazione ” qualcosa ” è cambiato. Come avrete notato non sto più usando fiocchi e farine aromatizzate, ho ridotto la quantità di burri di frutta secca impiegati, sto prediligendo alimenti basic e il più naturale possibile, dando ampio spazio ai cereali e a cibi il meno lavorati possibile.

DIETA FODMAP

ah, ma allora tu stai facendo la DIETA FODMAP?? no, ma molte basi della mia alimentazione provengono da li.

Innanzitutto, che cosa sono? FODMAP è un acronimo che sta per “Fermentable Oligo-saccharides, Disaccharides, Mono-saccharides and Polyols”. Più semplicemente si tratta di  carboidrati/zuccheri a catena corta dall’alto potere fermentativo (fruttosio, lattosio, fruttani, xilitolo). Una dieta ricca di questi zuccheri alimenta i sintomi più comuni della sindrome dell’intestino irritabile (pancia gonfia, meteorismo, dolore addominali, irregolarità intestinali). Al contrario, secondo uno studio della University of Michigan (Stati Uniti) pubblicato su Gastroenterology, una dieta “low-FODMAP” porta ad una riduzione dei sintomi e ad un generale miglioramento della qualità della vita.

Vediamo quali sono questi carboidrati e dove si trovano:

Oligosaccaridi 
Fruttani e Galatto-oligosaccaridi (GOS): i primi si trovano principalmente nel grano, nella segale, nella cipolla e nell’aglio, mentre i GOS si trovano nei legumi.
Disaccaridi
Lattosio: latte e derivati (eccetto alcuni formaggi stagionati come il Parmigiano).
Monosaccaridi
Fruttosio: si trova in eccesso rispetto al glucosio in alcuni tipi di frutta come il cocomero, la mela, la pera e in alcuni dolcificanti, come il miele.
Polioli
Sorbitolo, mannitolo, maltitolo, xilitolo etc.: si trovano in alcuni tipi di frutta (come l’albicocca, la prugna e le pesche) e verdura (come i funghi). Inoltre, vengono spesso usati come dolcificanti dall’industria alimentare.

 

DISBIOSI INTESTINALE

disbiosi intestinale

COME PRENDERSI CURA DEL PROPRIO INTESTINO??

1) ALIMENTARSI CORRETAMENTE: 

La prima regola fondamentale è seguire un’alimentazione sana ed equilibrata che varia con il variare delle stagioni e che è ricca di fibre e alimenti prebiotici , ovvero quelli di cui si alimentano i batteri buoni del nostro intestino. Queste sostanze per noi indigeribili permettono il regolare transito intestinale e vanno consumate ogni giorno . Da limitare invece al massimo gli zuccheri raffinati e il sale. ( vedi acqua)

2) ACQUA

Anche idratarsi bene è fondamentale per il benessere dell’intestino e non solo. Dimenticando di bere rendiamo molto più difficile la situazione all’interno di questo organo e di conseguenza andare in bagno sarà sempre più difficoltoso fino a far comparire la stipsi. Miraccomando, bere non vuol dire togliere il sale : l’equilibrio idrico è molto importante per  il nostro sistema. Per questo è consigliato 1 gr di sale per 1 litro di acqua!  ( forse vi può interessare anche questo video )

3) PROBIOTICI

I probiotici / fermenti lattici  sono batteri buoni, molto utili nei casi in cui a causa dell’assunzione di antibiotici, di una dieta sregolata o della comparsa di problematiche intestinali, vi sia uno squilibrio della flora batterica intestinale. La loro assunzione permette di ripristinare tutte le regolari funzioni dell’intestino, ecco perché ve ne sono di diverse specie e in varie formulazioni in farmacia ed erboristeria che andrebbero valutate caso per caso. vi lascio qui il link dove potete acquistare quelli che consumo io.

4) ATTIVITA’ FISICA

L’attività fisica fa bene a tutto il nostro corpo, intestino compreso, sia a livello fisico, dato che migliora la circolazione, il metabolismo e stimola la regolare motilità intestinale, sia a livello mentale dato che permette di scaricare le tensioni e lo stress accumulato

5) GESTIONE DELLO STRESS E SONNO. 

molto importanti sono per il nostro intestino entrambi gli aspetti e sono strettamente correlati alla sua salute. Fate attenzione !

 

*guarda anche l’articolo su come eliminare la pancia : 10 regole !!



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.